Tutto il buono del mondo in un blog


Chiacchiere (o Frappe o bugie o Fiocchetti etc…)


Ingredienti:

  • 350 gr di farina ‘00′
  • 80 gr di zucchero
  • 40 gr di margarina vegetale non idrogenata
  • due cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2-3 cucchiai di grappa
  • mezzo cucchiaino di lievito vanigliato in polvere
  • un pizzico di sale
  • zucchero a velo per spolverizzare

Preparazione:

Facciamo la fontana con la farina, aggiungiamo: lo zucchero, la margarina ammorbidita, il sale, l’olio, il lievito in polvere e, e se si gradisce una grattatina di scorza di limone non trattato oppure un pizzico di vanillina o di cannella  etc.

Mescoliamo la farina e lo zucchero insieme agli altri ingredienti. Leghiamo il tutto aggiungendo la grappa fino ad ottenere un impasto non troppo morbido. Impastiamo bene, fino a  formare una palla da lasciar riposare in frigo avvolta nella pellicola per almeno 45 minuti.

Stendiamo poi la pasta, sfoglia sottilissima, con un  mattarello o con la macchina per la pasta: più diventa sottile, meno tempo occorerà per la cottura, e perciò forma più agevolmente le caratteristiche “bolle”, come le chiacchiere fritte. D’altra parte uno spessore eccessivo le rende dure.

Infariniamo il piano di lavoro e andiamo a tagliare la sfoglia delle striscie magari usando una rotella, disponiamole su una teglia foderata di carta da forno e inforniamole in forno preriscaldato a 160-170 gradi per circa 15 minuti, finché non saranno dorate.

Una volta estratte dal forno ed appena smaltito il bollore della cottura, le frappe assumeranno la classica croccantezza.

Disponiamo infine le chiacchiere su un vassoio e spolverizzare con zucchero a velo.

Storia:
La tradizione delle frappe probabilmente risale a quella delle frictilia, dei dolci fritti nel grasso di maiale che nell’antica Roma venivano preparati proprio durante il periodo dell’odierno carnevale.

Vengono chiamate in modo diverso da reggione a reggione ecco un elenco dei vari nomi:

  • bugie (Genova, Torino, Imperia), italianizzazione del ligure böxie
  • cenci o crogetti (Toscana)
  • cioffe (Sulmona, centro Abruzzo)
  • chiacchiere (Sicilia, Campania, Lazio, Sardegna, Umbria, Puglia, Calabria e a Milano)
  • cròstoli (Ferrara, Veneto, Trentino, Friuli, Venezia Giulia)
  • fiocchetti (Montefeltro e Rimini)
  • frappe (Roma)
  • galàni (Venezia, Verona, Padova)
  • intrigoni (Reggio Emilia)
  • rosoni o sfrappole (Parma, Modena, Bologna, Romagna)
  • sfrappe (Marche)
  • sprelle (Piacenza)
  • e ancora stracci, lasagne, lattughe, pampuglie, manzole.
This page as PDF Print Print
Devi essere loggato per postare un commento.

Dolci


Crostata di ricotta

Oggi un dolce classico, ma sempre buona, parliamo della crostata di ricotta, facile da preparare, ma portandola in tavola si fa sempre un’ottima figura.

Cannoli alla ricotta e canditi

Oggi i cannoli alla ricotta, tipici della sicilia. occorre un pò di tempo per la preparazione, ma il risultato sarà ottimo.

crostata di ricotta e cioccolato

Oggi un dolce per i più golosi, la crostata con la ricotta e il cioccolato fondente, semplice da preparare.

Torta di carote e mandorle

Oggi un dolce speciale, preparato con mandorle e carote, ottimo come dolce dopo cena o come merenda per bambini.

Dessert yogurt e limone

oggi un dessert verment delizioso, preparato con yogurt greco e limoni, se preprato dopo una cena cn amici o parenti farete un figurone.

Mousse al cioccolato

Oggi un bel dessert per finire unn pranzo o una cena con amici e parenti, la mousse al cioccolato.




Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Informazioni Accetto